Come risparmiare sulla ristrutturazione

Vota questo articolo
(0 Voti)

blog

 

Volete ristrutturare casa per darle una ventata d'aria fresca o renderla più moderna ed efficiente dal punto di vista energetico ma avete apure delle spese che potreste affrontare?

Come per gli acquisti di tutti i giorni, anche quando parla della ristrutturazione di casa ci sono delle spese che si possono sempre tagliare quando il budget è ristretto. Alcune operazioni infatti possono risultare superflue rispetto al risultato finale.

54859999Se vi state chiedendo come risparmiare sulla ristrutturazione della casa siete arrivati al posto giusto, in questo articolo vi daremo tanti consigli utili, dai materiali, agli incentivi ristrutturazione al bonus mobili, dall’ecobonus fino alla richiesta di preventivi online.

Prendetevi 2 minuti e scoprite questi 5 trucchi per risparmiare sulla ristrutturazione casa.

1. Scegliere con cura i materiali per ristrutturare casa

La scelta dei materiali è il primo dei 5 trucchi per risparmiare sulla ristrutturazione casa.

Volete costruire una cabina armadio su misura? Optate per una cabina armadio in cartongesso invece che in legno, è molto più economco e l'effetto finale sarà sicuramente di gran classe per perchè l'armdio sembrerà parte integrante della struttura della casa.

Per i pavimenti, se siete amanti dell'eleganza del parquet ma vi spaventa il costo della posa e della frequente manutenzione del legno, un materiale morbido e piuttosto delicato, optate per un pavimento in gres porcellanato effetto legno.

Il gres porcellanato è il materiale più in voga nelle case moderne. Potete usarlo perfino in bagno per un risultato davvero soprendente e spettacolare.

bagno con pavimento in gres effetto legno

Infine, se avete esperienza in materia, potete andare direttamente presso un ingrosso per scegliere personalmente i materiali, optando per quelli meno costosi ma allo stesso tempo affidabili ed efficienti ad un prezzo scontato, per poi fornirli direttamente alla ditta a cui è stata affidata la ristrutturazione casa.

All’ingrosso potete anche chiedere di visionare eventuali fondi di magazzino, con un po’ di fortuna troverete qualcosa di unico che può servirvi e che il negozio vi venderà a prezzo stracciato per eliminare l’invenduto.

2. Evitare le grandi marche conosciute nel settore dell'edilizia

Le porte ed i portoni sono importanti per la sicurezza ma anche per l’estetica della vostra casa, tuttavia a volte è meglio diffidare delle grandi marche che fanno pagare il nome offrendo un prodotto piuttosto comune.

Nei grandi magazzini oppure anche nei negozi online potete trovare molte porte e portoni senza marca, ma di ottima qualità e resistenza.

Per quanto riguarda le finestre vi consiglio di scegliere infissi in pvc, che forse esteticamente sono meno apprezzabili, ma molto solidi, duraturi nel tempo e particolarmente economici, ed inoltre garantiscono un ottimo isolamento termico ed efficienza energetica alla casa.

infissi in pvc

Per risparmiare sui lavori di ristrutturazione è opportuno che i lavori durino il meno possibile, perciò evitate quelli superflui e non necessari. Per esempio è consigliabile scegliere pavimenti che possono essere posati sopra quelli già esistenti, ed evitate di buttare giù dei muri se non è un’opera obbligatoria.

3. Scegliere lavori che permettono di accedere agli incentivi per ristrutturazioni

Conosciamo meglio il mondo degli incentivi ristrutturazione, che rappresentano uno strumento utilissimo da utilizzare per sapere come strutturare casa ottenendo un risparmio notevole:

Ecobonus

L’ecobonus per la riqualificazione energetica è rivolta a tutti coloro che aumentano l'efficienza energetica in casa. Si può usufruirne per esempio sostituendo un vecchio impianto di riscaldamento con una mderna caldaia a condensazione o una pompa di calore, oppure installando un impianto fotovoltaico sul tetto. L’ecobonus offre due tipologie di detrazioni fiscali: per il risparmio energetico (65%) e per le ristrutturazioni edilizie (50%).

Le detrazioni fiscali del 65% possono essere applicate a quegli interventi volti alla riqualificazione e all’efficienza energetica eseguiti su edifici di qualsiasi categoria catastale, a patto che siano già esistenti e dotati di un impianto di riscaldamento.

L’incentivo per le ristrutturazioni edilizie al 50% è previsto per interventi compiuti sul patrimonio edilizio esistente esclusivamente a destinazione residenziale, e consiste in uno sconto dell’IRPEF pari al 50%.

Bonus mobili ed elettrodomestici

Tra gli incentivi ristrutturazione casa troviamo anche il Bonus mobili ed elettrodomestici, una detrazione IRPEF del 50% per l’acquisto di mobili ed elettrodomestici di classe non inferiore alla A+ (per i forni), finalizzati ad arredare un immobile soggetto a ristrutturazione.

Il Bonus Mobili ed elettrodomestici attuale termina il 31 dicembre 2016 ma sembra proprio che verrà rinnovato alle stesse condizioni anche nel 2017.

Per poter accedere al bonus mobili bisogna eseguire dei lavori di ristrutturazione sia sulle singole unità immobiliari residenziali, sia su parti comuni di edifici, sempre residenziali. Inoltre le spese per gli interventi di recupero edilizio devono essere sostenute a partire dal 26 giugno 2012.

Il bonus mobili si suddivide in lavori di manutenzione ordinaria e straordinaria. Per sapere se puoi usare il Bonus Mobili ed elettrodomestici, controlla se i lavori che vuoi effettuare rientrano nella lista sotto elencata:

Tra i lavori di manutenzione ordinaria rientrano:

la tinteggiatura di pareti e soffitti;
la sostituzione di pavimenti;
la sostituzione di infissi esterni;
il rifacimento di intonaci;
la sostituzione di tegole e rinnovo delle impermeabilizzazioni;
67298342la riparazione o sostituzione di cancelli o portoni;
la riparazione delle grondaie;
la riparazione delle mura di cinta.
Tra i lavori di manutenzione straordinaria invece rientrano:

l'installazione di ascensori e scale di sicurezza;
la realizzazione dei servizi igienici;
la sostituzione di infissi esterni con modifica di materiale o tipologia di infisso;
il rifacimento di scale e rampe;
la realizzazione di recinzioni, muri di cinta e cancellate;
la costruzione di scale interne;
la sostituzione dei tramezzi interni senza alterazione della tipologia dell’unità immobiliare.
Tra i lavori di ristrutturazione edilizia rientrano ancora:

la modifica della facciata;
la realizzazione di una mansarda o di un balcone;
l'apertura di nuove porte e finestre;
la trasformazione della soffitta in mansarda o del balcone in veranda;
la costruzione di servizi igienici in ampliamento delle superfici o dei volumi esistenti.
Infine tra i lavori di restauro e risanamento conservativo rientrano:

l'adeguamento delle altezze dei solai nel rispetto delle volumetrie esistenti;
il ripristino dell’aspetto storico-architettonico di un edificio.
4. Realizzare il progetto di ristrutturazione casa con software online

Un altro consiglio da tenere a mente, per sapere come ristrutturare casa e risparmiare, è quello di utilizzare dei programmi software presenti sui siti web. Grazie a questi software facili da usare potete pianificare tutti i lavori e presentare un progetto (quasi) completo alla ditta edile risparmiando sui costi di consulenza e progettazione.

progetto 3d di ristrutturazione casa

DIco quasi completo perchè ovviamente non potrete creare un progetto completo di tutti i dettagli per cominciare i lavori, magari poi alcuni punti non saranno realizzabili se non con costi altissimi o alcune misure e calcoli non sono corrette ecc.

Tuttavia, sicuramente avrete una buona base da cui partire e vi sarete schariti le idee. Questo permetterà all'azienda edile di risparmiare tempo con la conseguenza che voi risparmierete denaro.

5. Confrotnare preventivi per ristrutturare casa da diverse aziende

Ristrutturare casa è un impegno non da poco. Proprio per questo conviene confrontare preventivi da diverse aziende per confrontare i costi e servizi di ognuna. Solo così potete farvi un idea dei prezzi di mercato del settore e spuntare il miglior rapporto prezzo / qualità.

Grazie a Fazland è tutto più semplice. Bastano pochi click per fare una richiesta di preventivo per ristrutturare casa e riceverete comodamente a casa diverse offerte per lo stesso progetto. Facile no?

Quando confrontate i divresi preventivi fate attenzione soprattutto al costo della manodopera, dei materiali utilizzati, e la data di fine lavori prevista.

Inoltre, se non dovesse essere presente, richiedete la clausola secondo cui ogni modifica nel prezzo e nei lavori deve essere preventivamente accettata e sottoscritta da voi.

Un’altra clausola utile da inserire è quella che prevede il congelamento per 6 mesi del 5% della somma dovuta, dopo aver eseguito le opere, da utilizzare nel caso in cui siano necessari dei lavori di riparazione.